Giorgio Adornato - MADONNA DEL ROSARIO DELLE LACRIME DI SANGUE

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giorgio Adornato

 
 
 

Io sottoscritta Adornato Giorgia, abitante a Maropati in Via Vittorio Emanuele n. 20, dichiaro quanto segue.

Giorno 20 settembre 2016 sono andata assieme a mio marito (Adornato Giorgio) in montagna.
Giunti in località Faggio del Re del Comune di Mongiana (VV), mio marito è andato in cerca di funghi mentre io, essendo invalida, sono rimasta in macchina ad aspettarlo.
Al suo ritorno, nel ripartire, gli ho chiesto di prendere una bottiglia d’acqua. Quando, però, stava per scendere dall’automobile, improvvisamente gli si paralizzò la parte destra del corpo (gamba e braccio) e notai che anche la bocca divenne visibilmente storta.
Tornammo a fatica indietro, nei pressi di Bosco Regio di Mongiana, e chiedemmo aiuto ad un nostro amico perché mio marito ormai non riusciva più a guidare.
Chiamammo il 118, ma l’ambulanza tardava ad arrivare; così il nostro amico, Pasquale Stambè, per non attendere oltre, decise di portarlo lui direttamente all’ospedale di Polistena (RC).
Giunti nei pressi di Rosarno, però, si ruppe il filo della batteria della macchina e nessuno ci veniva in soccorso.
Io, disperata, telefonai a mia figlia a Milano, che a sua volta chiamò il meccanico di un’officina di Anoia Superiore (Officina F.lli Fuda) che, giunto sul posto, trasportò mio marito all’ospedale di Polistena.
Ricoverato d’urgenza, gli venne diagnosticato un ictus emorragico.
Intanto, a Maropati, la signorina Mimma Anile sapendo dell’accaduto mi mandò una reliquia della Madonna del Rosario delle Lacrime di Sangue.
Io pregai con fede la Madonna e poggiai la reliquia sul corpo paralizzato di mio marito il quale si riprese, al punto che dopo soli 8 giorni fu dimesso, con enorme stupore dei medici che, constatando la perfetta guarigione, hanno affermato che sicuramente era avvenuto un "miracolo", in quanto al momento del ricovero aveva la pressione arteriosa a 260.
Mio marito oggi sta bene ed è tornato normale come prima, senza alcun esito per la sofferta emorragia cerebrale.
Rilascio questa dichiarazione per dare gloria a Dio e ringraziare la Madonna delle Lacrime di Sangue per la sua materna intercessione.

Maropati, 7 ottobre 2016



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu