Martina Sferruzza - MADONNA DEL ROSARIO DELLE LACRIME DI SANGUE

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 
 

DICHIARAZIONE DELLA MADRE DI MARTINA


Nell’anno 2006 del mese di ottobre, dopo aver notato delle anomalie agli occhi di mia figlia Martina, 6 anni, credevo bastasse una visita oculistica, ma ahimè mi sbagliavo!
Ho subito contattato un medico nostro amico, neuropsichiatra infantile, a cui feci vedere un video in cui la bambina faceva uno strano movimento degli occhi, e lui mi disse che potevano essere delle crisi epilettiche.
Non aspettai un solo giorno e prenotai una visita, precisamente un elettroencefalogramma, presso la Neuropsichiatria Infantile del Policlinico di Palermo.
Così, il 6 ottobre del 2016, ci siamo recati a Palermo, dove Martina fu sottoposta ad un elettroencefalogramma e ad una visita neuropsichiatrica.
Non hanno riscontrato anomalie importanti perché probabilmente doveva fare altri accertamenti, e mi hanno consigliato di andare a Troina (EN), in un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico: "Associazione Oasi Maria SS.".
Nel frattempo che aspettavamo il giorno in cui dovevamo recarci a Troina, mia suocera (si tratta di Anna Collesano n. a Castelbuono il 24.05.1949 n.d.r.) si era recata a Maropati con un gruppo di preghiera.
Al suo ritorno, successe una cosa strana, mise le mani sulla testa di Martina (assieme alle mani poggiò anche gli indumenti della bambina che aveva strofinato sul quadro della Madonna a Maropati n.d.r) e, quando arrivammo a casa, mia figlia mi fece una domanda: «Mamma, perché quando nonna mi mise le mani sulla testa, sentivo bruciare la testa?».
Avvisai subito mia suocera di questo fatto e vidi che i suoi occhi diventarono lucidi, mi disse che la Madonna vegliava su di lei.
Giorni dopo andammo finalmente a Troina, dove Martina fu sottoposta ad un altro Elettroencefalogramma.
Parlammo poi con il medico che ci comunicò che non c’era nessun tipo di anomalia e che stava bene.


Valentina Impallomeni





Valentina e Martina a Maropati



Anna Collesano, la nonna di Martina



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu