Don Gaspare Sutera e i Segni della Madonna - MADONNA DEL ROSARIO DELLE LACRIME DI SANGUE

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Don Gaspare Sutera e i Segni della Madonna

 


Come promesso alla Madonna, a Lode e gloria della SS. Trinità, porto a conoscenza di quello che successo a Maròpati lo scorso 25 Maggio 2013 in casa Cordiano, davanti al Quadro della Madonna e davanti a un gruppo numeroso di Famiglie venute in pellegrinaggio in quell'occasione.

Prima di arrivare in casa Cordiano, abbiamo iniziato tutti insieme per strada in processione a recitare il Santo Rosario e ho chiesto nel mio cuore alla Madre di Dio intanto di mettere la sua dolce mano sopra di noi, ma anche che tutti potessero vedere come Lei ci è molto vicina.
Appena arrivati davanti al quadro, abbiamo terminato la recita del Santo Rosario e, prima della benedizione, ho chiesto alla signora Raffaella di poterci testimoniare quello che è successo in quella casa, 40 anni fa.
Da premettere che io, appena arrivai davanti all'effigie, misi un fazzoletto bianco (al centro nella foto) sopra il piccolo tavolo che si trova sotto il quadro; gli altri fecero altrettanto con altri fazzoletti di carta.

Mentre la signora Raffaella proseguiva il racconto, in particolare quando ci raccontò dell'episodio del ritrovamento delle corone del rosario nelle mani dei coniugi Cordiano, ecco che mi accorgo del primo segno di sangue sul mio fazzoletto... sbigottimento di tutti, meraviglia, ma soprattutto tanta emozione.
Nel frattempo, mentre ancora guardavamo tutti insieme il fazzoletto, una signora del gruppo si sente mancare, e ci affrettiamo a soccorrerla; nel mentre facevamo ciò, ecco che si manifesta il secondo segno sul mio fazzoletto: altre goccioline di sangue... io ne rimango frastornato, ma anche sorpreso, soprattutto quando la Signora Raffaella apre il fazzoletto e lo mostra a tutti i presenti... le macchioline si ingrandivano a vista d'occhio.
Dopo di che, mentre tutti i presenti dopo aver assistito a questi segni si son messi a pregare e cantare, io presi nelle mie mani un batuffolo di cotone che avevo portato da casa e lo appoggiai alla bacheca con l'intenzione di darlo alla signora del gruppo che si era sentita male (da premettere che questa signora sta attraversando un periodo difficile nella sua vita per la sua salute); nel ritirarlo ecco altro segno, altro segno di sangue (vedi foto a destra). L'emozione ancora è forte, molto forte, il sangue era vivo...
Dopo, con i fazzoletti, vengo accompagnato dal parroco di Maropati don Francesco che mi invita a redigere la testimonianza di quello che era successo; vado anche a fare visita a Mimma Anile.
Ritorno in casa Cordiano e i pellegrini mi invitano a scattare una foto di gruppo; intanto un'altra signora mi consegna un altro fazzoletto bianco, di carta, per poterlo benedire e portarlo ad una persona sofferente. Ripeto lo stesso gesto di appoggiarlo sulla teca e nuovamente si macchia di strisce rosse (il fazzoletto è in possesso della signora).
Acora meraviglia e forte emozione; poi impartisco la benedizione e lasciamo la stanza del quadro senza parole e in profondo silenzio...
L'indomani siamo stati a Paravati sulla tomba di Natuzza; una signora del gruppo, mi dà un fazzoletto (a sinistra nella foto) per benedirlo, e dopo... ecco un altro segno:  macchioline di sangue e una striscia di sangue a forma di croce!

Lascio questa testimonianza a lode e gloria della SS. Trinità e per il trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

In fede
Sac. don Gaspare Sutera
Parrocchia S. Rocco
Piazza Fratelli Bandiera
2392020 GROTTE (AG)








 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu